14 maggio 2019 – SEA San Mauro

Beppe Fenoglio, “La sposa bambina”

Questo nostro secondo incontro è stato organizzato presso la struttura R.S.A. “SERENI ORIZZONTI”.

La lettura, dedicata a “Beppe Fenoglio” è stata molto apprezzata dai molti partecipanti anche per merito del bravissimo Fabrizio che ha saputo rendere molto bene i racconti mimando i vari personaggi  tanto da renderli quasi reali.

I presenti tutti, e particolarmente gli ospiti della casa di riposo, sono stati partecipi interagendo anche con l’attore e alla fine ci hanno chiesto di ripetere questa esperienza.

È stato un pomeriggio veramente piacevole e dobbiamo ammettere che andando avanti con questo progetto ci rendiamo conto quanto sia importante l’aggregazione.

15 maggio 2019 – SEA Valrilate

 Sanguineti, Eco, Calvino, “Le interviste impossibili

Nella Casa di Riposo di Cortanze, alla presenza degli ospiti della struttura,dei responsabili, di alcuni parenti, anziani provenienti da altri paesi e dei volontari del Sea Valrilate, gli attori Silvia Nati e Mattia Mariani hanno letto e interpretato “Le interviste impossibili”.

La lettura eseguita con ritmo incalzante e trascinante interpretazione, ha saputo coinvolgere il pubblico presente. Interesse e ilarità sono stati stimolati dai “divertenti grugniti” dell’uomo di Neanderthal e dalle perfette inflessioni dialettali del “nostro piemontese” Pietro Micca e della “fiorentina” Beatrice! Molto piacevole anche l’intervista al “barbuto” Dio!

Tanti complimenti ai due attori.

18 maggio 2019 – SEA delle Colline Alfieri

Gabrielle Colette, “Il Kepì

Sabato pomeriggio di una giornata di maggio… che, dal punto di vista meteo, pareva novembre.

Una attrice straordinaria come Silvia Nati, con la sua voce e con la sua capacità di rendere con la stessa voce, in colori differenti e straordinariamente efficaci, i personaggi di un racconto di Colette che ci ha trasportati in un mondo fantastico, ma ben visibile ai nostri sensi.

L’introduzione di Ginny su Colette, i suoi scritti e la sua personalità hanno fatto il resto.

Abbiamo potuto rivivere intrecci che possono apparire improbabili per i nostri tempi, a prima vista, ma che ciascuno di noi, in cuor proprio, sa di avere vissuto almeno una volta nella vita.

L’amore, la passione, il desiderio verso l’altro, verso i suoi pensieri e il suo esistere, che non riescono ad essere dichiarati e che ci trasforma la relazione, impedendone l’espressione vera e profonda …

E come non ritrovarsi …

Progetto “Insieme… ad alta voce” – Commenti 7